Daniele Fabiani – Dopo la tempesta atti in-condizionati

Daniele Fabiani – Dopo la tempesta atti in-condizionati

 

Artista camuno il cui talento ha portato le opere ben oltre i confini della valle, Daniele Fabiani torna a Bienno con una mostra personale alla casa degli artisti.
Elementi di continuità (il cromatismo inconfondibile, decisamente incentrato sul bianco e le sue declinazioni) insieme ad orientamenti più recenti delle sue ricerche (la scelta, ad esempio, del tessuto, della carta o dei rami secchi del suo orto, come nuovi supporti di creazione) danno dell’evoluzione dell’artista una visione ad un tempo essenziale e densa.
Lo sguardo rimane in particolare colpito dall’equilibrio tra una natura onnipresente, ispiratrice, e il gesto umano, quello dell’artista, misteriosamente incaricato di assemblare questa materia sparsa; di articolare in un linguaggio coerente i segni raccolti lungo le malghe, o lungo la mente.
Da dettagli infimi (una foglia) a visioni ampie (una mappa), da microcosmi camuni a macrocosmi astrali, si scopre o riscopre la mano di un uomo ormai maturo, la cui crescita artistica svolge a Bienno una sua tappa importante.

Cyrille Doubet