Dalla materia alla forma, dalla forma allo spirito – Elisa Pezzotti

dalla materia alla forma dalla forma allo spirito-elisa pezzotti-borgo artisti bienno

 

dalla materia alla forma dalla forma allo spirito-elisa pezzotti-borgo artisti bienno

POETICA

Guardo il corpo per la prima volta, lo riscopro nelle sue forme, nelle relazioni tra le sue membra, lo indago e lo scompongo mettendolo sul tavolo anatomico della scultura. Scelgo le parti meno visibili e più nascoste, cercando quei frammenti dove la relazione tra forma e funzione sembra unita in un legame più intenso e necessario. Le ri-creo, ma senza fermarmi alla loro semplicistica riproduzione, bensì esaltandone la bellezza, ampliandone le potenzialità anche simboliche ed espressive attraverso la loro trasformazione in altre immagini fortemente evocative.Tutto comincia con un dialogo silenzioso tra me e la materia. È lei che mi suggerisce la forma e mi dice che segni usare e dove.

Non voglio tanto rappresentare un corpo umano in scultura, quanto piuttosto trasformare la materia della scultura in un corpovivente; creare “Entità” che hanno una loro propria essenza, una loro anima e un loro concetto da trasmettere. Non sempre sono pienamente cosciente del mio lavoro, anzi diciamo che le mie sculture per lo più nascono grazie al mio inconscio. Non sempre so che cosa guida la mia mano, ma ho fiducia.

Sento in me la presenza di una volontà trainante, perciò mi lascio guidare dal mio essere, dal mio pensiero, dalla mia anima. A poco a poco libero la forma: la faccio respirare, la riporto al mondo, la risveglio dal suo letargo.Infusione del proprio spirito nella scultura. Trasposizione del mio corpo e del mio pensiero nell’opera.

C’è un bisogno di esternare, di tendersi, di esprimere con chiarezza senza fraintendimenti, su un diverso gradino di comunicazione.L’archetipo è qualcosa di viscerale, intimo, impulsivo, un tentativo di elevazione e liberazione del proprio essere.Necessità di trasformare la propria essenza in qualcosa di tangibile che si possa vedere, toccare, sentire, odorare, gustare.Non serve parlare, non serve spiegare, ma solo guardare, interiorizzare e vivere.